Spedizioni gratuite in Italia per ordini sopra € 50! Clicca qui per dettagli
AVVISO: Chiuderemo il laboratorio dal 24 luglio al 24 Agosto per le ferie estive. Potrete aspettare la spedizione o annullare l'ordine al nostro rientro.
Carrello0
Il tuo carrello è vuoto!

Le pipe sono fatte tutte con la radice dell' Erica arborea. 

 

Si utilizzano radici di piante che hanno mediamente 120 anni e che hanno la dimensione di un pallone da football dette  ciocchi.

Il segantino, utilizzando una sega circolare, ritaglia il ciocco in piccoli pezzi squadrati detti  abbozzi e placche. Gli abbozzi  si utilizzano per la produzione di serie, sbozzata a macchina, mentre le placche (che non sono altro che abbozzi selezionati grazie alla  venatura fiammata) si usano per le pipe fiammate. Le placche si distinguono dagli abbozzi perché la parte superiore non viene rifilata ma lasciata allo stato naturale a dimostrazione del fatto che  vengono ricavate da una parte di ciocco lontana da rami o radici.

Le placche fiammate , a causa del maggiore costo iniziale ( mediamente da  4  a 5 volte superiore agli abbozzi di pari dimensioni ) vengono lavorate a mano libera cercando di ottimizzare al massimo la loro resa.

Vi sono placche di prezzi differenti in funzione della venatura più o meno larga ma sicuramente anche  dalle placche fiammate si ottengono ben poche pipe pure . I collezionisti lo sanno e sono disposti a pagare molto di più per il piacere di possedere un oggetto esclusivo e raro. Ciò però non ha nulla a che vedere con la funzionalità o con la fumabilità della pipa stessa. In poche parole è solo una questione estetica. Possiamo paragonare le pipe fiammate a dei gioielli di radica.

Vi sono differenze di lavorazione per la realizzazione di pipe lavorate da placche rispetto agli abbozzi ?

Gli abbozzi sono in genere usati per la produzione di pipe di serie.  Nelle pipe di serie il foro del fornello  è il primo ad essere realizzato con un operazione chiamata svasatura che definisce anche la parte alta del fornello , poi l' abbozzo viene lavorato con fasi successive  usando  delle frese prendendolo  sempre dal  foro del fornello con delle speciali pinze ad espansione chiamate maggette .

Le pipe fiammate invece  vengono prima sgrezzate a macchina e poi rifinite  a mano libera definendo la forma finale e nello stesso tempo cercando di eliminare ogni difetto superficiale.

 In questo caso il foro del fornello viene effettuato dopo per farlo stare in centro perché la forma finale potrebbe variare di molto.

Una pipa Pura può avere dei difetti ?

 Nessun fabbricante può garantire che non esistano difetti occulti . Perciò vi è una garanzia ma si presume che se la pipa è senza falli superficiali dentro e fuori è pura anche nella trama del legno.